25 mila sardine contro l'odio

25 mila sardine contro l’odio

25 mila sardine contro l'odio
25 mila sardine contro l’odio

Quest’oggi eravamo in 25 mila sardine contro l’odio. Eravamo uniti sotto la pioggia battente di Milano, un pomeriggio umido e sicuramente la pioggia ha tenuto lontano dalla piazza numerose altre persone.

Sono andato per vedere un po’ il numero di partecipanti che sarebbero venuti oggi nonostante la pioggia. Mi ha sorpreso questa affluenza. Mi ha stupito positivamente, alla fine, una città come Milano, non è del tutto indifferente al clima che si sta diffondendo nel nostro paese.

Le stime degli organizzatori sono state pienamente superate, infatti i ragazzi si aspettavano circa 5000 partecipanti. Gli organizzatori ci tengono a precisare che il movimento delle sardine, apartitico, non viene manipolato da alcun leader politico e evidenziano anche il fatto che non ci sono partiti in mezzo ai partecipanti. Mentre ero li, mi sono messo a parlare con un po’ di persone e chi in un modo e chi in un altro, hanno dimostrato che sono un gruppo di persone con uno scopo. Lo scopo delle sardine è totalmente differente da quello del nostro governo e la cosa che le/ci unisce, non è un nemico e basta. Quel che unisce le sardine, è la speranza di poter è quella di liberare l’Italia dal populismo. E ci tengo a precisare, che il movimento non intende far politica, ma solo proteggere il “mare” in cui vive.

Se anche voi eravate tra le sardine oggi in piazza, restate qui con me e vediamo se tutti insieme, riusciamo a fare qualcosa per l’Italia e poi, per il mondo.

Buona nuotata a tutti! Ci si rivede in piazza alla prossima nuotata!