GIP di Agrigento libera Carola

GIP di Agrigento libera Carola

GIP di Agrigento libera Carola Rackete. E subito l’estrema destra al governo inizia ad attaccarla. Consigliando alla Dott.ssa Vella di candidarsi nel partito politico dell’opposizione. E mentre i leoni da tastiera filo governativi attaccano ed insultano la GIP Alessandra Vella per aver fatto il suo lavoro, non si ricordano il fatto che ci sono delle leggi italiane ed internazionali che prevedono quanto da lei scelto. Non si rendono conto che a parte il loro “capo ultrà” che viola la legge. Le leggi stesse che propone e gli emendamenti delle leggi che lui vorrebbe modificare, vanno contro la legge primaria dello stato, ovvero la costituzione. Infatti, il partito leghista, vuole mettere mano alla costituzione che ha “salvaguardato” la libertà in Italia. Personalmente trovo vergognose certe affermazioni del capo politico leghista.

Mi chiedo inoltre se ora, dopo il bombardamento dei centri di accoglienza in libici, Salvini ritenga ancora la Libia un porto sicuro. La GIP di Agrigento che ha liberato Carola, si è dovuta rimuovere dai social network per non venir sommersa dallo “shit storm” proveniente dai leoni filo leghisti.

GIP Alessandra Avella difende il diritto internazionale ed il diritto nazionale

Alessandra Avella, GIP di Agrigento, con la sua sentenza, ha fatto rispettare le leggi nazionali ed internazionali che prevedono che una nave traspirante naufraghi, venga fatta sbarcare nel porto più prossimo. L’attenzione dei dettagli dell’avvocato Avella è da ammirare.

Guarda di Finanza, perché?

La Guardia di Finanza, a bordo di una motovedetta, ha sin da subito intimato